Jordan 4 Retro Frozen Moments (W)

Da 424,90 

A CASA TUA IN:

Consegna
in 24/48h

Consegna
in 5/15 giorni

Size

Taglia: Poco Stretta

Questa sneakers ha una vestibilità STRETTA,
acquista pure mezza taglia in PIÚ della tua taglia normale.

PRODOTTI AUTENTICI

Tutti i prodotti venduti su 23brickstreet sono NUOVI ed AUTENTICI.

"LEGIT CHECK"

Prima di arrivare nelle tue mani, vengono controllati dai nostri esperti che ne assicurano l’autenticità, essa è infine sigillata e garantita con l’applicazione del security tag “AUTHENTICATED BY 23BRICKSTREET“.

CONSEGNA 24/48H

Taglie che abbiamo già in magazzino. Spedite già lo stesso giorno se ordinate entro le 14:00 tramite una spedizione Express 24/48H. Gli ordini effettuati dopo le 14:00 saranno spediti il giorno seguente.

CONSEGNA IN 5/15 GIORNI

Taglie che non abbiamo in magazzino. Una volta effettuato l’ordine provvederemo a farci spedire la Scarpa e tramite un processo di autenticazione ne verifichiamo l’originalità. Una volta autenticato sarà spedito con corriere express 24/48H. Questo processo richiede dai 5 ai 15 giorni lavorativi massimo.

Ulteriori informazioni

Al momento della conclusione dell’ordine, ti indicheremo la data prevista di consegna e quando il pacco sarà spedito dai nostri magazzini, riceverai un’email di conferma spedizione, nella quale troverai un link di Tracking che si attiverà entro un massimo di 72 ore, esso ti permetterà di conoscere la data esatta di consegna da parte del corriere.

Jordan 4 Retro Frozen Moments (W)

Jordan 4 Retro Frozen Moments (W)

AQ9129-001

Jordan 4 Retro Frozen Moments (W)Momento fresco

Jordan 4 Retro Frozen Moments (W), presenta una combinazione di colori Light Iron Ore, Sail, Neutral Grey, Black e Metallic Silver. La sneaker rende omaggio ai “Frozen Moments” degli inizi della carriera di MJ, come “The Shot” contro i Cleveland Cavaliers nel 1989, l’anno in cui nacque l’AJ4. La tomaia ha una base grigia ed è costruita con materiali di prima qualità. Tra i dettagli ci sono l’hardware Metallic Silver sugli occhielli, i lembi delle ali e il logo Jumpman sui talloni. Un’intersuola Sail su una suola in gomma grigia ne completa il design.
Donna, Unisex
Bianco Grigio
#ffffff
#404447

ecco altri modelli di JORDAN 4...

Dopo l’iconica J3, Tinker Hatfield deve superare sé stesso. Nel 1989, con il primo lancio globale del brand, presentano la Jordan 4. La scarpa si presenta simile alla precedente, con un taglio mid, l’air unit visibile, con un prezzo di retail sui 100 dollari, diventando così la più costosa scarpa da basket dell’epoca.
Hatfield introduce una rete di mesh nella parte frontale e laterale che rende la scarpa più leggera, un nuovo materiale premium, il nubuk (simile allo scamosciato) e un sistema di allacciamento, grazie a dei supporti a forma di ali, che permettono di allacciare le stringhe in ben 18 modi differenti.
Nella linguetta appare per la prima volta sotto il jumpman la scritta Flight. Le Jordan diventano un’icona di stile e streetwear anche fuori dal parquet della NBA. In quell’anno Michael dominò sul campo da basket portando Nike a pubblicizzare il brand Jordan sottolineando l’idea che Michael giocasse così bene grazie alle sue scarpe.

Dopo l’iconica J3, Tinker Hatfield deve superare sé stesso. Nel 1989, con il primo lancio globale del brand, presentano la Jordan 4. La scarpa si presenta simile alla precedente, con un taglio mid, l’air unit visibile, con un prezzo di retail sui 100 dollari, diventando così la più costosa scarpa da basket dell’epoca.
Hatfield introduce una rete di mesh nella parte frontale e laterale che rende la scarpa più leggera, un nuovo materiale premium, il nubuk (simile allo scamosciato) e un sistema di allacciamento, grazie a dei supporti a forma di ali, che permettono di allacciare le stringhe in ben 18 modi differenti.
Nella linguetta appare per la prima volta sotto il jumpman la scritta Flight. Le Jordan diventano un’icona di stile e streetwear anche fuori dal parquet della NBA. In quell’anno Michael dominò sul campo da basket portando Nike a pubblicizzare il brand Jordan sottolineando l’idea che Michael giocasse così bene grazie alle sue scarpe.